Dicevano che era morta di sifilide. Ma quando hanno aperto la bara, il suo corpo ha rivelato la verità.

Oggi abbiamo deciso di raccontarvi una storia davvero particolare, accaduta molto tempo fa. La protagonista è Mollie Maggie, un’operaia americana, era morta tragicamente a causa di un’emorragia scoppiata nella vena giugulare. Tutti credevano che il suo corpo si era deperito velocemente in quell’ anno a causa della sifilide, ma non era così.bccd119c4c68966369d9546621c4e437

La donna lavorava in una fabbrica dove era costantemente a contatto con delle radiazioni. L’ industria si occupava della produzione dei numeri fluorescenti sugli orologi e le donne che lavoravano in questi complessi portavano spesso il pennello per dipingere alla bocca, ingerendo così il radio, una sostanza molto dannosa per la nostra salute. 15055696_1027176100724384_4756236648169086166_n

Questo triste destino non toccò solo a Mollie, ma anche a molte altre donne che lavoravano con lei, che a quel punto iniziarono a denunciare la fabbrica. Da quel momento in poi si iniziarono a capire i rischi delle radiazioni e si iniziarono a prendere le dovute precauzioni per svolgere questi lavori particolari.