Viene condannato a 48 anni di reclusione. 17 anni dopo, un bambino di 9 anni gli ridona speranza!

Oggi abbiamo deciso di raccontarvi la storia di Zack, un bambino affetto da autismo. Le sue condizioni peggioravano giorno dopo giorno e la patologia gli provocava anche dei tremendi attacchi di panico, durante i quali calmarlo era davvero molto difficile perchè non permetteva a nessuno di farsi toccare.fddde0830f9c2d85e111b140a7edb5e7-800x450

I genitori disperati cercarono qualsiasi cosa pur di aiutare il figlio, così un giorno mentre navigavano in internet si imbatterono nel nome del detenuto Chris Vogt, che era un addestratore specializzato nel rapporto cane-bambino affetto da autismo. L’ uomo era chiuso nel carcere dal 1998 e doveva scontare 48 anni di prigione, ma faceva parte di un programma di recupero. 413ac3b7a051adcc69c53459eb87aa7e-800x450

In carcere aveva cominciato ad addestrare il compagno perfetto per chi era affetto da questa patologia, così i genitori portarono Zack dall’ uomo. Il bambino colpito da una crisi di panico non voleva assolutamente incontrare un assassino in prigione, ma una volta visto il cane fu subito chiaro che per lui era molto importante. de070aa1d6a4e611a24199a34a121503-800x450

L’ animale era stato addestrato a reagire immediatamente nel caso in cui avesse percepito l’ inizio di un attacco di panico. Il cucciolo di nome Clyde si metteva subito al lavoro appena sentiva i battiti aumentare e lo distraeva facendolo giocare!0f619efa2c9bccb07eccc2bac11b94c8-800x450

Ora gli attacchi di panico del bambino si sono ridotti del 70% e Zack va anche spesso in prigione a trovare Chris che gli ha dato una grande mano per combattere la sua malattia.

Condividi