Stufe a pellet praticità e convenienza per il calore della casa

Stufe a pellet, praticità e convenienza per il calore della casa

Sono le nuove protagoniste nel mondo del termoarredo, fondendo praticità e design. Stiamo parlando delle stufe a pellet, la nuova frontiera del riscaldamento che riesce a mixare soluzioni eleganti ed economiche allo stesso tempo.
Totalmente naturale ed ecologico, il pellet è infatti un combustibile naturale sempre più sfruttato in maniera ecosostenibile.

Un alto potere calorifero ed un prezzo conveniente rappresentano il plus di questa nuova fonte energetica che sta prendendo sempre più piede nelle case degli italiani.

I vantaggi del pellet

Tra i tanti aspetti positivi, in primis c’è sicuramente la facilità e la comodità d’uso: l’accensione della stufa, infatti, potrà essere automatizzata o manuale, in modo da programmare l’avvio della stufa e trovare la propria casa calda al rientro. Basterà riempire il serbatoio e avviare il programma di accensione automatica all’orario desiderato.

A differenza della legna, inoltre, il pellet è molto più semplice e comodo da usare: pesa di meno, è facile da accedere e, una volta avviato, non c’è bisogno di controllare l’andamento della stufa.
Il pellet, inoltre, garantisce una casa sempre pulita e in ordine: pochissima cenere che verrà aspirata, in maniera facile e veloce, una sola volta a settimana.

I vari tipi di pellet

Le tipologie di pellet più utilizzate e commercializzate sono, senza dubbio, due: il pellet di faggio e quello di abete.
Il primo rappresenta, sicuramente, uno tra i migliori pellet in circolazione per due peculiarità principali: l’alto potere calorifico e il tempo di combustione molto lungo.

In sostanza, una resa sicuramente maggiore rispetto al pellet di abete che, dal canto suo, produce livelli molto più bassi in riferimento ai residui di cenere che diventa, tra l’altro, un ottimo fertilizzante per le piante.

Ma una caratteristica fondamentale per scegliere pellet di qualità è, sicuramente, quella relativa alla certificazione. Lo standard qualitativo è infatti regolato dalla certificazione EN PLUS che garantisce qualità e trasparenza e suddivide il prodotto in tre livelli e in due macro categorie.
A1 e A2, entrambi prodotti da legna vergine o residui non trattati, e che differiscono per la quantità di cenere prodotta:

  • l’A1: il migliore, che prevede il non superamento dell’ 0,7% di ceneri residue;
  • l’A2: con un residuo di ceneri inferiore o uguale all’1,5%;

Il tipo B, che consente anche l’utilizzo di legna trattata chimicamente, e dedicata ai grandi impianti o alle caldaie medio/grandi e che prevede un livello di ceneri residue non superiore al 3,5%

Il risparmio

Fattore fondamentale nella scelta di utilizzare una stufa a pelle è, infine, il risparmio.
Il pellet, infatti, va acquistato a sacchi e, rispetto alla legna o agli altri combustibili, ha un prezzo davvero conveniente soprattutto se acquistato in grandi quantità in vista dei periodi più freddi.

Centri agricoli, negozi specializzati e grandi magazzini, infatti, riescono ad abbassare il prezzo del pellet garantendo un buon rapporto qualità/prezzo.
Ma ancora più convenienti, invece, i siti di vendita pellet on line, portali con un’ampia scelta di marche e che offrono pellet di qualità a prezzi molto vantaggiosi, con il valore aggiunto di una consegna a domicilio rapida e gratuita.

Condividi